NonPubblicato            
I LIBRI DI GREGORY DAVID ROBERTS
http://www.nonpubblicato.it/libridettaglio/7/Shantaram.np
Stampa Invia Link a un amico Rss
Shantaram

Il bus della scalcagnata Veterans' Bus Service, una compagnia di veterani dell'esercito indiano, appena arrivato al capolinea di Colaba, la zona di Bombay dove si concentrano gli alberghi a buon mercato. Greg il primo a mettere piede sul predellino e a farsi largo tra la folla di faccendieri, venditori di droga e trafficanti d'ogni genere in attesa davanti alla portiera. Ha una chitarra a tracolla, un passaporto falso in tasca e un turbinio di pensieri ed emozioni in testa. Nel tragitto dall'aeroporto a Colaba ha pensato di essere sbarcato in una citt dopo una catastrofe. Davanti ai suoi occhi si spalancata una distesa sterminata di miserabili rifugi fatti di stracci, fogli di plastica e carta, stuoie e stecchi di bamb. In preda allo stupore, Greg ha visto donne bellissime avvolte in stoffe azzurre e dorate incedere a piedi nudi in quella rovina, e uomini dai denti candidi e dagli occhi a mandorla, bambini dalle membra incredibilmente aggraziate. Ovunque, poi, aleggiava un odore acre e intenso. Quell'odore in cui, a Bombay, fiuti di colpo l'aroma del mare e il metallo delle macchine, il trambusto, il sonno, la lotta per la vita, i fallimenti e gli amori di milioni di esseri umani. Greg un uomo in fuga. Dopo la separazione della moglie e l'allontanamento dalla sua bambina, la vita si trasformata per lui in un abisso senza fine. Era un giovane studioso di filosofia e un brillante attivista politico all'universit di Melbourne, diventato "un rivoluzionario che ha soffocato i propri ideali nell'eroina", un "filosofo che ha smarrito l'integrit nel crimine", uno dei "most wanted men" australiani, condannato a 19 anni di carcere per rapina a mano armata, catturato e scappato dal carcere di massima sicurezza di Pentridge. Eccolo ora a Bombay, nel bizzarro assortimento della sua folla, con i documenti di un certo Linsday in tasca e una strana esilarante gioia nel cuore... A Bombay, infatti, il destino ha calato per Greg la sua carta. A Bombay, diventer uno Shantaram, un "uomo della pace di Dio", allestir un ospedale per i mendicanti e gli indigenti, reciter nei film di Bollywood, stringer relazioni pericolose con la mafia indiana. Da Bombay partir per due guerre, in Afghanistan e in Pakistan, tra le fila dei combattenti islamici...
Accolto al suo apparire come un vero e proprio "capolavoro letterario", capace di pagine di "inesorabile bellezza" ("Kirkus Reviews"), "Shantaram" non solo "una saga gigantesca e vera" ("London Daily Mail"), ma anche uno di quei rari romanzi in cui l'ostinata ricerca del bene tocca realmente la mente e il cuore.
COMMENTO DEGLI UTENTI
Autore: Emanuele Mei
......"Ho impiegato molto tempo e ho girato quasi tutto il mondo per imparare quello che so dell'amore, del destino e ...CONTINUA

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Il profumo
Patrick Sskind
2 Commenti
Venuto al mondo
Margaret Mazzantini
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook