NonPubblicato            
LE OPERE DI Andrea Luciano Damico | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/119/0/0/Andrea-Luciano-Damico.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Andrea Luciano Damico
DATA: 1/9/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Biografia
Ricordi in una Fredda Serata (Parte I)


La sera era arrivata, come sempre, rubando gli ultimi rossori dell'orizzonte, facendo sprofondare le ultime isole formate dalle nuvole in chiss quale abisso.
Eppure quella sera era diversa.
Era giunta prima, preannunciata da alcune folate del vento d'autunno che faceva piombare la natura nella solita catatonia di stagione.
La citt era dipinta di bianco, o per lo meno cos intuivo, mentre guardavo dalla finestra il buio lasciato dai lampioni pigri ad accendersi.
Uscii sul balcone, come di consueto, per cercare risposte nel cielo.
Prima di levare lo sguardo accesi una sigaretta e tirai due boccate di fumo denso e grigio.
Dovrei smettere, pensai mentre ero ancora avviluppato nelle spire del fumo, sapendo bene che non l'avrei mai fatto.
La vista del cielo mi disgust: neanche una stella.
Della luna solo una traccia, un bagliore adamantino che filtrava dalla coltre delle nubi.
Gettai la sigaretta appena iniziata, in preda allo sconforto: non era proprio giornata.
Nemmeno la vista del cielo mi era concessa, per cercare un po' della quiete perduta.
Al diavolo, pensai, mentre vedevo i cinque minuti di vita che avevo appena guadagnato bruciare un piano pi gi.
Rientrai in casa.
Pochi secondi, tanto mi c'era voluto per aprire e richiudere alle mie spalle la porta-finestra, quando ero uscito e rientrato, ma erano bastati perch il freddo pungente dell'esterno facesse il suo ingresso in casa.
Mi avvicinai al camino, sporco di fuliggine da quando ero venuto ad abitare in quella casa, un millennio prima.
Mi sovvenne un'altra cosa che avrei dovuto fare e di cui puntualmente mi sarebbe mancata la voglia: pulirlo.
Scacciai il pensiero gettando dentro il camino qualche ceppo.
Imprecai quando, come al solito, mi bruciai le dita nel tentativo di appiccare il fuoco con un pezzo di carta di giornale, una spruzzata di alcol e un accendino.
Cercai il cane con lo sguardo: dormiva in un angolo della stanza.
Meglio lasciarlo riposare.
Doveva esserci dell'alcol nella dispensa.
Scotch... O rum, non ricordavo.
Tutto faceva brodo, in fin dei conti.
Risi dell'involontaria battuta, mentre mi versavo del pessimo liquore del supermercato nel solito bicchiere rotondo.
Portai con me verso la poltrona prospiciente il camino anche la bottiglia.
Non si poteva mai sapere.
Le sorsate e le fiamme del camino fecero il loro lavoro: presto il freddo era svanito.
L'occhio mi cadde sul telefono.
Dovrei chiamarla, mi venne da pensare.
Anche questa era una delle cose che avrei dovuto fare.
Ma questa, a differenza delle altre, l'avrei fatta volentieri, se solo avesse avuto uno straccio di senso.
Ma non ne aveva. Ed era inutile star l a guardarsi dentro il bicchiere, come se la mia immagine riflessa sulle pareti stesse annaspando nei ricordi.
Sibelius, il mio labrador, s'era svegliato, portandosi ai piedi della poltrona e mettendo il muso sulle mie gambe.
Ti sono mancato?, gli domandai con un sorriso, accarezzandogli la testa.
Presi un'altra sigaretta dal pacchetto, l'ultima.
Dovevo avere una stecca iniziata da poco, in camera mia, ma ero troppo svogliato per trascinarmi fino a l.
La accesi e rimasi a fissare il pacchetto.
Aveva voluto che gliene lasciassi uno per ricordo, ma non gliel'avevo mai dato: l'aveva dimenticato in casa mia e da allora non l'avevo pi rivista.
S'era anche presa una mia sigaretta, per ricordarsi di me.
Al pensiero di quel pomeriggio, gli occhi mi si inumidirono.
Tornai a parlare al cane: Diventerai un vecchio sentimentale prima del tempo, con me..., gli dissi.
Per tutta risposta, Sibelius sbadigli e si allontan.
Il bicchiere di brandy era finito.
Avrei potuto empirlo di nuovo, ma non avevo voglia di alcol.
Dovevo a tutti i costi riuscire a vedere il cielo.
Facciamo una passeggiata, Sibelius?
Nessuna risposta; quel pigrone era ritornato a sonnecchiare sul tappeto.
Mi fece un po' male quel rifiuto, come al solito.
Presi la giacca e le chiavi e uscii. Non avevo bisogno di portarmi dietro altro.
Mentre camminavo per le strade vuote di una citt assonnata mi vennero in mente le parole di una canzone che le avevo fatto ascoltare.
Iniziai a canticchiare quella triste melodia con la mia voce stonata e rauca.
D'improvviso, per, le note si smorzarono di colpo nell'aria.
Non mi ero accorto di aver imboccato una strada che non avrei dovuto prendere.
Era la strada in cui mi aveva tolto di mano la sigaretta che non avrei mai fumato.
Continuando a percorrerla, giunsi a una piazza.
I pochi avventori del chiosco mi concessero uno sguardo distratto di pochi istanti, per poi tornare a prestare attenzione alle proprie bevande.
Avevo una banconota nella tasca della giacca: con quella presi un'altra confezione di sigarette.
Mi sedetti alla fermata del bus presso cui avevo aspettato la vettura un paio di volte, assieme a lei, facendole compagnia prima del suo rientro a casa.
Mentre fumavo pensai a lei e gli occhi mi si gonfiarono di tristezza.
Perch era finita in quel modo?


NOTE AUTORE
Questa la prima parte di un racconto che ho scritto tra l'agosto e il settembre del 2010. Ho dovuto dividerlo in due parti perch, nonostante il limite di 10.000 caratteri, il sito non me ne fa inserire pi di 5000.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook