NonPubblicato            
LE OPERE DI Francesca Pels | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/124/0/0/Francesca-Pels.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Francesca Pels
DATA: 4/6/2012
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Societ
Stasera


Un tizio dall'altra parte del bar fissava il tavolo accanto a s: guardava il ragazzo seduto, o forse la Gazzetta che aveva in mano. Posava lo sguardo sul suo tavolino, abbracciava la donna di fianco, come se dovesse spolverarle la spalla sinistra.
Lei continuava a parlare e a sfogliare qualcosa di piccolo formato.
Sostavano per una buona decina di minuti su ogni pagina. Poi la ragazza si stringeva nelle spalle e si accoccolava contro di lui, che riportava le pupille sul suo tavolo, la abbracciava, le sfregava la spalla con sguardo assente; poco dopo tornava a fissarsi nella direzione del tavolo accanto.
La periodicit del gesto era scandita dallo sfogliare l'opuscolo: lei rimaneva concentrata fino a quando non aveva finito di analizzare due facciate. Solo allora riprendeva a parlare, sollevava la testa per avvicinarsi all'uomo e innescava il domino delle azioni di lui.
Arrivata alla quarta di copertina, torn nella prima met del fascicolo, alla ricerca di una precisa pagina. In seguito alz la testa e si accoccol, per le sue parole sortirono un effetto diverso nel compagno, che, questa volta, in uno scatto violento lanci uno sguardo accigliato verso la faccia di lei. Si scost dalla donna e inizi a parlarle con voce grave e ad alto volume.
Accese una sigaretta in fretta, aspir solo due volte e la gett via. Parlava in modo ancor pi concitato, con il fumo che gli usciva dalle narici e continui gesti minacciosi della mano destra, intanto che la sinistra impugnava lo schienale della sedia.
Quando in tono retorico concesse alla donna di rispondergli, prese l'opuscolo e lo scagli oltre i tavolini, fino a cacciarlo vicino alla gomma sgonfia di un'auto parcheggiata a pochi metri.
Si alz in piedi, prima che la ragazza potesse rivolgere verso di lui gli occhi che avevano inseguito il moto parabolico dell'opuscolo. Mentre cercava l'accendino nelle tasche dei pantaloni, stringeva una seconda sigaretta tra le labbra, le tuon: "Stasera si guarda la finale di Champions e basta."


NOTE AUTORE
nessuna.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Il Peso della farfalla
Erri De Luca
1 Commento
Venuto al mondo
Margaret Mazzantini
1 Commento
L'arciere del Re
Bernard Cornwell
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook