NonPubblicato            
LE OPERE DI Bruno Magnolfi | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/22/0/0/Bruno-Magnolfi.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Bruno Magnolfi
DATA: 19/5/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Societ
Una lettera senza importanza


Accanto alla panchina nei giardinetti dove il signor Calamassi era solito andarsi a leggere il giornale per far trascorrere almeno un'ora della sua interminabile mattinata, un piccolo foglio di carta piegato in due era rimasto sull'erba, come smarrito o dimenticato da qualcuno che oramai sicuramente era lontano. Il signor Calamassi lo aveva notato, mentre raggiungeva il suo luogo di lettura, ma in un primo tempo non si era preoccupato affatto di raccoglierlo, non gli sembrava assolutamente un compito suo interessarsi dei fatti degli altri, ma in seguito una certa curiosit gli era iniziata a venire, non foss'altro perch nel lato interno del foglio, osservandolo meglio, si intravedeva una pagina scritta con inchiostro blu, il suo preferito, in modo fitto e ordinato.
Non gli piaceva certo al signor Calamassi, dall'alto della sua posizione di docente universitario in pensione, fare la figura di quello che non tiene sott'occhio la realt, e non si accorge neppure di un elemento, magari importante, che gli resta vicino, a portata di mano, quasi come se tutti quegli anni trascorsi dietro una cattedra non gli avessero insegnato che solo da piccoli e nascosti particolari, uno sguardo, un passaggio di appunti, un bisbiglio all'orecchio, che si arguisce il livello di comprensione degli studenti nei confronti della materia spiegata. Quindi, a seguito di queste considerazioni, stava per alzarsi dalla panchina, la sua preferita di tutto il giardino, e andare a raccogliere il foglio, quando da un lato arriv una giovane donna camminando malferma sui tacchi per via della ghiaia, pass di lato alla panchina dove era seduto il signor Calamassi, e non mancando di guardarsi un po' attorno prosegu in silenzio la sua passeggiata.
Forse era lei la proprietaria del foglio di carta, pens il signor Calamassi, forse un abbozzo di lettera d'amore scritta proprio su quella panchina e poi dimenticata l sopra, tanto che un minimo colpo di vento l'aveva in seguito appoggiata sull'erba in una zona meno visibile. Ed era certo che la signorina, tornata indietro a cercarla, non l'aveva adesso potuta vedere, perch coperta proprio dalla sagoma del signor Calamassi, che a questo punto diventava quasi complice di una situazione, correo di avere impedito il felice ritrovamento di quelle parole.
Si imponevano due scelte, almeno alla sua sensibilit battagliera: se fosse passata di nuovo la signorina il signor Calamassi doveva chiederle direttamente se era di sua appartenenza la lettera, tanto pi che trovandosi ancora sull'erba non era possibile che lui ne avesse sbirciato il contenuto, sfuggendo cos a qualsiasi timidezza; oppure, se questo non fosse accaduto ma nel foglio, per fortunata eventualit, fosse stato indicato l'indirizzo del destinatario, lui l'avrebbe raccolta, piegata con cura e infilata dentro a una busta per spedirla senz'altro.
La giovane donna non torn sui suoi passi, e in compenso una mamma con il suo passeggino era venuta poco dopo a sedersi proprio sul lato libero della panchina del signor Calamassi, tanto che lui aveva quasi pensato di andarsene e lasciar campo libero. Ma poi, si era chiesto, la lettera? Non poteva abbassarsi e prenderla adesso, davanti a dei testimoni, dopo che era rimasto seduto su quella panchina per met della mattinata, indifferente a tutti i fogli di carta del mondo. E la signorina di prima sembrava svanita, persa anche lei nella ricerca di quanto aveva smarrito.
La tensione si era fatta elevata, il signor Calamassi osserv il suo orologio e si accorse che era arrivato il momento in cui ogni giorno passava dal forno, acquistava del pane, e con quello rientrava, soddisfatto di una piccola azione a cui teneva moltissimo. Un attimo, un pensiero improvviso, e la decisione pur dolorosa infine era presa, cos il signor Calamassi si alz da quella panchina, quasi con un moto di fretta improvvisa, pieg accuratamente il giornale, salut di sfuggita la mamma con un debole sorriso, e se ne and per i fatti suoi, lasciando la lettera ad altri.

Bruno Magnolfi


NOTE AUTORE
Racconto breve
COMMENTO DEGLI UTENTI
16/6/2010 Autore: Massimo Vaj
Molto coinvolgente e delicato, frutto di una visuale curiosa che antepone il valore dell'intenzione a quello dei risultati di quell'intenzione, ...CONTINUA

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
"Il Dio delle piccole cose"
Arundhati Roy
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
La 25a ora
David Benioff
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Un piano semplice
Scott Smith
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook