NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 31/5/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Vasi comunicanti


Due enormi stanzoni, divisi da una porta a vetri, occupavano l'ala del Paradiso celeste riservata al ripristino degli equilibri spezzati. Era questa una zona di confine che congiungeva il Paradiso all'inferno. Non ci sono sistemi chiusi, nell'universo, che una specie di laboratorio dove una moltitudine di vasi comunicanti si ostacolano a vicenda, ognuno di essi cercando di riempirsi pi di quelli attigui. Come tutti immagineranno in questi non luoghi il tempo sbarazzino, e non obbedisce allo spazio se non quando gli conviene, e in queste due enormi stanze era il venerd che spazio e tempo si accordavano, tra loro, in modo comprensibile agli umani. Di venerd si replicava, sempre simile a se stessa, la festa della vendetta innocente. Era questa una trovata brillante del Bene che consentiva al male di redimersi. Ne avrebbe fatto volentieri a meno, ma il Bene, per natura, era costretto da se stesso a fare del bene. Da parte sua il male, non essendo assoluto, doveva sottomettersi alla possibilit di redenzione. Ne avrebbe fatto volentieri a meno perch il male, per sua natura, era costretto da se stesso a fare del male. Nemmeno il Bene era assoluto, ma la sua maggiore prossimit alla centralit dell'esistenza, che stava dentro la "Non esistenza", lo avvantaggiava parecchio.
Questo venerd l'essere luminoso, che nella vita terrestre si era chiamato Ghandi, e un altro essere lucente che aveva vivificato il corpo di Martin Luther King, si sarebbero presi delle soddisfazioni col porgere, ai loro assassini, la possibilit di un sincero pentimento.
Nella stanza vicina altri due esseri, portatori di una luce diversa da quella che illuminava le loro vittime, quella che emana dal fuoco che brucia, si disposero nella postura tipica di chi chiede perdono: in ginocchio sui ceci. Piegarono quindi la testa nei buchi predisposti nella la parete che stava di fronte e ci infilarono il capo. Intanto, dall'altra parte, Ghandi e Luther King prendevano confidenza col peso delle palle di stoffa pressata, le stesse usate nelle giostre terrestri per il tiro ai barattoli, che sarebbero servite al pregiato scopo.

Poco pi in l Ratzinger e Berlusconi se la ridacchiavano sussultando, perch il venerd precedente era toccato a loro pentirsi, e l'avevano fatto dopo solo tre tiri di freccette di carta... lanciate con l'elastico, a spese della delusione di sessanta milioni di anime che avevano gi preso la mira.


NOTE AUTORE
Gi, gi...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Un piano semplice
Scott Smith
1 Commento
La 25a ora
David Benioff
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook