NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2009
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Tre storie


PIANTE DI MARIA
"Fai finta di un cazzo!... Fai finta di un cazzo!" disse una rigogliosa pianta di maria all'altra che le stava vicino, femmina come lei che i maschi, poracci, li avevano tutti deportati.
Si sussurrava, con angoscia, in qualche campo di sterminio.
Le due piante si lasciarono afflosciare dai raggi acuti del sole, e a uno sguardo poco lucido come quello del guardaparco che stava passando di l, potevano sembrare assenzio. Non che l'assenzio non stramazzasse. Se lo concentravi di brutto ti seccava anche lui, ma era cos amaro... e lo sballo non era paragonabile al loro.
E no!
Sparita la guardia nel bosco rimasero l, di nuovo sollevatesi dritte, a guardarsi le cime.
"Come stanno le tue brattee? Mi sembrano belle cariche di resina" disse la prima all'altra che, un po' pi rossiccia, arross ancor di pi. Non le piaceva che le si guardassero cos spudoratamente le brattee. Erano potenzialmente le culle dei suoi figli, se quello stronzo che veniva a bagnarle ogni tanto, non le avesse strappato il marito.
"Stanno bene, stanno bene" rispose lei senza enfasi
"E le tue?"
La pianta pi verde non si scompose. Era pi indietro nella maturazione e le sue cime ancora non avevano preso quell'aspetto di sesso maturo che suscita vergogna.
"Mah..." rispose
"Si stanno preparando...", ma dentro di s gioiva all'idea che, lo stronzo, si sarebbe fumato prima l'altra.

LAVORI STRANI
Faceva un lavoro strano, lavorava per la polizia, ma non era proprio un poliziotto. Era un semplice impiegato dell'ufficio d'Igiene. Neanche specializzato e di ultima categoria. E in pi doveva pure mettersi, ma era facoltativo, anche la maschera antigas, che gli dava un fastidio tremendo. E non era certo l'unico dispiacere di quel lavoro. Gli prudevano sempre le braccia perch doveva spostare di continuo mucchi di fascine resinose dentro al bruciatore. E aveva sviluppato un'allergia che lo costringeva a utilizzare lunghi guantoni di gomma, puzzolenti e collosi, che lo facevano appiccicosamente sudare. Le placche avvolte con nastri di scotch da pacco e plasticaccia, che doveva bruciare, erano sempre tante e pesanti, e spostare quelle pile di strana roba, con sopra stampi di nazioni lontane e sconosciute tipo Afghanistan, Pakistan, Libano, Marocco, Bolivia e Venezuela, di continuo, gli dava male alla schiena, e quell'odore pungente gli scoppiettava macchie di colore davanti alla faccia. Cavolo, che lavoro di cacca. Meno male che era finita. Stava andando in pensione, finalmente. Per una legge dello stato mai abrogata, suo figlio gli sarebbe succeduto a lavorare in quel merda di magazzino, dove si stava tutto il giorno da soli, senza mai un po' di compagnia, a bruciare roba. E non riusciva a spiegarsi come mai quel pirla di suo figlio, invece di essere disperato, si era tagliato corti i capelli, che aveva sempre portato lunghi sulle spalle, e si era pure vestito elegante e profumato, per andare a firmare il giuramento di Stato che lo avrebbe legato per tutta la vita a quel lavoraccio. Pensa te il mondo com' incomprensibile e strano, era meglio una volta... quando non c'era gi pi religione.

LA LAPIDE PIU' BELLA
Era la tomba pi visitata del cimitero, e le ragioni erano molte: bel marmo, comprato con una super colletta dai suoi amici che lo avevano molto amato, bella lapide con su scritto: "Il fumo della tua cremazione ha stonato mezzo quartiere".
Bella la foto, a colori, anche se un po' di faccia era coperta dal chilom e dal sffi di stoffa indiana, e un occhio stava dietro al fumo denso. Non c'era l'angelo che spezzava le catene, perch le aveva gi spezzate lui, quand'era in vita.
Ma la cosa pi bella era il giardinetto davanti al pietrone di Carrara per terra, che doveva impedirgli di uscire un'altra volta a far casino.
Curato di brutto, con tanti sassettini bianchi che delimitavano rigogliose e fitte piante piene di resina, frutto di semi di estrema qualit, piantati e cresciuti in un substrato di estrema qualit, concimato con cacca di capra che mangiava rovi di estrema qualit.
Erano piante cos eccezionali che non mostravano affatto la pena patita per tutto quel viavai di amici affezionati che continuavano a concimarle, e che avevano tutti gli occhi rossi e cerchiati, sempre cos lucidi, e pure commossi...


NOTE AUTORE
La vita fatta cos, quando tutto andato in fumo non resta che smettere di fumare.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
Il cavaliere nero
Bernard Cornwell
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook