NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 18/6/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Sfida all'ultimo attimo


una sfida, quella che ogni scrittore riceve dalla morte, che non si pu rifiutare

"Il segreto sta nell'anticiparla di quel pelo che consente di poter dire di Lei il tanto che basta a sputtanarla per sempre" si disse, deciso a chiudere il conto con la nera signora, uno scrittore avanguardista d'assalto, uno di quelli che dava pi credito ai fatti che alle vuote parole

"Cinquanta cicc di candeggina dovrebbero darmi il tempo di farlo"

Fu cos che se ne spar sessanta di cicc, in vena, con la siringona da veterinario rinvenuta nei pressi dell'Ippodromo vicino a casa sua, per disinfettata a dovere.
Finito di iniettarsi l'avventura... inizi a scrivere, correndo appresso alla morte che sopraggiungeva svelta.

"Cara Morte oggi ti fotto io, stronza!" inizi, un po' frastornato dall'essere stato costretto dagli eventi a dover dimostrare al mondo che un avanguardista non scherza un cazzo

"Fatti avanti e facciamola finita, ora racconter a tutti cosa si prova a morire"

La Morte, dall'alto della sua indiscutibile esperienza aveva le sue necessit, e le sembrava che quei sessanta cicc non fossero sufficienti, dunque si limit a torcergli le budella e a farlo svenire nel vomito, ma prima si accert che l'avanguardista non potesse dire pi del lecito e gli paralizz le mani.

Lo scrittore, determinato come non mai, prima di lasciarsi afferrare alle caviglie fece in tempo a digitare, con il mento, una parolaccia irripetibile.

Si svegli, fradicio di sudore e acidi della digestione, che gli incollavano spaghetti mal digeriti e vino ad alto tasso di metanolo sulla canottiera. Allung quindi il braccio, con attaccata la mano semi paralizzata, riuscendo a trascinarsi la tastiera vicino al mento e poi, con la lingua attaccaticcia prese a battere, leccando e sputacchiando, tra conati e fili di bava fetida, sui tasti:

"Molile come vivele, 'na melda" e si riaddorment, nello stesso pallore che aveva anche il giorno prima.


NOTE AUTORE
Era ora che cominciassi a scrivere cose serie, cos ho preso al volo l'occasione offertami da una creativit agli sgoccioli...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
La 25a ora
David Benioff
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
Il signore degli anelli
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook