NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 14/7/2009
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Biografia
Alla guerriglia


Seduto scomodo sopra un sasso guardava di sbieco un mondo che lo odiava, ricambiandolo con un altro odio che si sovrapponeva allo splendido panorama, offuscandolo. L'odio cos quando si ispessisce: si sostituisce alla rtina mandando impulsi visivi al cervello che si trasforma in una fabbrica di armi.
Per questo i pensieri dell'uomo contemplavano la necessit della vendetta come fosse l'unica possibile e giusta riparazione dei torti subiti, causati dalla cattiveria degli uomini.
"La legge , o meglio dovrebbe essere, una realt giusta, se non fosse di questo mondo e applicata in questo modo ingiusto".
Rifletteva iroso l'uomo, decidendo che non sarebbe ricorso ai tribunali per farsi giustizia, i quali premiavano i ricchi che potevano permettersi di ingrassare, col veleno dei soldi, avvocati e giudici al servizio dei quali la legge puniva o assolveva con una bilancia truccata.
Avrebbe affidato il suo speciale caso alla guerriglia, lei si sarebbe occupata di ristabilire equilibri mai stati, attraverso l'infallibile metodo della ripercussione restituendo, con gli interessi, colpo su colpo.
Colui che era stato notabile a lungo, in quel paese, gli impediva l'accesso al suo terreno, costringendolo a trasportare sulla schiena, come se fosse stato un mulo, legna, letame, frutta, patate e Dio sa cos'altro, per un impervio pendio che gli aveva destinato come unico e non accessibile passaggio. I vicini addestravano i loro cani a urlargli contro cos da non concedergli pace nel giardino della propria casa, e ridevano dietro quella loro cagnra.
Lui era circondato dall'odio, come avrebbe potuto non esserne contagiato?
Di fronte abitava una strega che arrampicava rovi attorno alla sua casa, soffocandogli i residui bagliori di luce. All'altro lato era assediato dal ringhio di rabbia di altri che gli vomitavano addosso il male genuino, e tutto il resto del paese era stato convinto dall'instancabile lavorio di un pettegolezzo calunnioso, serpeggiante sotto gli affreschi di una chiesa del seicento, di una cattiveria che mai questi avevano udito prima, nei quattrocento anni passati a detestare l'opera del maligno.
Ora a lui pareva che non ci fosse altra scelta per uscire da quell'incubo, pur nella consapevolezza che la guerra, silenziosamente dichiarata al male, lo avrebbe reso complice di quello stesso male.
Il male puro non esiste, ma c' il bene che pu essere puro e di quest'ultimo il male costituisce solo l'infezione la quale, quando guarita, ricompone un nuovo bene che diventa perfetto, ma di una perfezione diversa e pi bella la quale, per subire di nuovo la corruzione, ha bisogno di un male pi forte di quello che l'ha preceduto.
In questa ciclicit si innestava la sua paura, perch non avrebbe voluto essere colui che aiutava il male a diventare pi forte di quello che gi era, ma non vedeva alternative pi dignitose del piegarsi senza speranza.
Il lago sotto, che muoveva di onde il paesaggio davanti ai suoi occhi, si vestiva di un rosso riflesso nel tramonto della sua coscienza, e i riccioli candidi delle onde si trasformavano in schiuma irosa, per rammentargli la facilit con la quale le forme belle si sarebbero mutate nel loro avversario.
Erano mesi che immaginava di farla pagare a tutti e in una volta sola, ma l'unica ragione che avrebbe potuto convincerli a radunarsi insieme, facendo loro vincere il disgusto che ognuno provava per la vicinanza dell'altro, era quella di dire loro che c'era da andare a pisciare sulla tomba del comune nemico che lui rappresentava per tutti.
Sognava di assalirli in una delle ricorrenze sacre che il paese festeggiava, e di tagliare quelle pance piene e quelle gole avide cos velocemente, da non aspettare nemmeno di guardare il sangue uscire, scuro come le anime che avrebbe trascinato con s.
In altri pensieri lo opprimeva il dubbio che la violenza avrebbe potuto annodare la sua vita con le vite senza valore di quei dmoni, in un destino comune che si sarebbe aggrovigliato nella disperazione dell'odio.
Questa vita, che lui considerava un accidente malato dal non avere ragioni per essere, quando scrutata con quella finalit assassina, gli mostrava collegamenti e ripercussioni che la quotidianit normale nascondeva: ogni azione cattiva avrebbe prodotto, con evidenza, una reazione di complicazioni angoscianti che portavano, tutte, alla conseguenza dell'impossibilit che il male ha di essere impunito. Era come se la verit fosse in tutti i luoghi, pronta a rivelare ogni crimine attraverso un'intelligenza che il male non possedeva, e pi il pensiero si arrovellava nel cercare soluzioni alle complicazioni, pi queste si complicavano e la verit, accorgendosene, le rivelava gridando pi forte.
Senza avvedersene, il livore che cresceva in lui costrinse la sua mano a tagliarsi sulla lama con cui stava togliendo la scorza di una mela, e questa si color di un improvviso fuoco rosso, ma era un fuoco capace di oscurarsi presto, anche pi in fretta di un tramonto.
Come tutto mutava al variare della mente, e come la mente cambiava i propri pensieri che nascevano puri quando l'intenzione, loro madre, era stata pura, o infetti nel nero dell'ombra di s.
Quel giorno il lato luminoso del suo essere gli fece, sottovoce, una domanda:
"Se uno di loro si ferisse seriamente e ti chiedesse aiuto, che faresti, lo lasceresti morire?"
La risposta che diede dentro di s gli impose di chiudere il coltello con una rinnovata volont di pace, lav via il sangue dal frutto e lo morse senza pi togliere la buccia. L'avrebbe mangiato cos, oggi, con il duro amaro attorno che la verit obbliga a digerire per essere gustata davvero.


NOTE AUTORE
giusto ricordare che la violenza aiuta il nemico mettendo nel torto chi la esercita.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Il profumo
Patrick Sskind
2 Commenti
Un piano semplice
Scott Smith
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
"Il Dio delle piccole cose"
Arundhati Roy
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook