NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 24/6/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
La vera storia di Cappuccetto rosso


Cappuccetto rosso era il soprannome dato dai lupi a una bimbetta odiosa che non aveva paura di nulla, nemmeno della propria odiosit. I branchi selvaggi la temevano pi della fame, che li perseguitava meno di quella peste venefica, sempre in giro per il bosco, anche d'inverno, a raccogliere le bacche che erano ormai la sola fonte di sopravvivenza per pi di una specie in via d'estinzione, a causa dell'accaparramento di risorse naturali che gli umani avevano perseguito, dall'invenzione del fucile in poi.
Cappuccetto rosso privava dunque i lupi del necessario approvvigionamento e, insieme a loro, il suo raccogliere forsennato anche di nocciole e noci favoriva l'estinzione di tutti i roditori, e gli uccelli e gli insetti del bosco, rompendo il ciclo naturale al quale si affidava la sopravvivenza dell'insieme. Se a un lupo capitava d'incontrarla col suo maledetto cestino era un dramma assicurato, perch la piccola malsana individua cominciava a raccontarla su, asserendo che la natura ingiusta, che sopravvive sull'indecenza del meccanismo di divoramento reciproco degli esseri che ci vivono in mezzo e cos via. Cappuccetto rosso era un'invasata di giustizia cosmica, e i suoi argomenti avevano convinto pi di un lupo che l'estinzione della specie alla quale apparteneva era non soltanto giusta, ma anche sacrosanta. Alcuni, i pi deboli, avevano persino tentato di togliersi la gi magra vita che avevano, ma la piccola famelica peste partiva con le sue chiacchiere e li convinceva a rimandare la cosa, magari regalando loro una o due fragoline, riuscendo cos a prolungare la loro indicibile sofferenza del vivere.
Un bel giorno, non pi soddisfatti del soprannome che avevano affibbiato alla bambina, e che indicava il cappuccio col quale i condannati a morte vengono pietosamente messi nell'impossibilit di guardare negli occhi la pena che li dissanguer, decisero di ricorrere a un killer prezzolato, un cacciatore della zona conosciuto per la sua correttezza nel rispettare rigorosamente le regole naturali dell'uccisione reciproca.
Dunque il branco, sostenuto anche economicamente da tutti gli esseri che popolavano, ormai scarsamente, il bosco, si mise in aspettativa, nella speranza di poter riprendere il solito tran tran degli ammazzamenti, vicendevoli e indiscriminati.
Uno dei lupi, per, si ricord che la pestifera delinquente aveva una nonna, allettata e gravemente ammalata. I lupi sono s famelici e sanguinari, ma non crudeli come gli umani e quindi decisero, all'unanimit, di sostenere la vecchietta, incolpevole dei misfatti della nipotina, portandole a casa, quotidianamente, del cibo.
Un lupo corse alla sua casa, trattenendo un pezzo di carne sanguinolenta tra i denti, con l'intenzione di lasciarlo sul davanzale della finestra, bene in vista. Arrivato alla casa incroci il cacciatore che credette di essere stato derubato della sua preda da quel lupo, che ne aveva ancora un pezzo in bocca, e gli spar in piena pancia vuota. Cappuccetto rosso, sentito il casino, usc di casa e prese a dire, al cacciatore, che non era questo il modo di fare, che il mondo poteva essere migliore di quello che uomini cattivi com'era lui avevano ridotto, e che anche la caccia ai tonni, ai delfini e alle balene era un crimine e cos via fino a che l'uomo, convinto, si spar in un piede per la vergogna. Ora in quel bosco magico non ci vive pi nessuno, a parte cappuccetto rosso. Anche la nonna morta di fame, come tutti gli altri animali della foresta, vermi compresi, ma la sua storia, anche se con qualche storpiatura dovuta al tempo che passa, ancora viva e riempie le speranze di tanti bambini che desiderano un pianeta perfetto.
Cappuccetto rosso sa bene che la perfezione non di questo mondo, ma appartiene all'altro, quello dove vivono in armonia la nonna e pure i lupi, che quando vedono il colore rosso dei tramonti terrestri, gi in basso, impallidiscono e si ammutoliscono dall'angoscia.


NOTE AUTORE
Della serie: "almeno raccontala vera se non proprio giusta"
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
Panino al prosciutto
charles bukowski
1 Commento
Post office
charles bukowski
1 Commento
Il cavaliere nero
Bernard Cornwell
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook