NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 28/6/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Biografia
Chicco


Correva, anzi, zoppicava l'anno 1983, un anno speciale per me perch il Padreterno, contrariamente a quanto fa di solito, esaud un mio desiderio. In quel tempo facevo il meccanico d'auto nell'officina di mio padre; era quello un mestiere di casta che non mi dispiaceva affatto, se si vuole ignorare un certo afrore di grasso e olio che ti avvolge e che comunque preferibile a quello che circonda un medico autoptico. C'era, sul percorso che dalla mia casa conduceva all'officina, un Istituto per ragazzi speciali, che io osservavo tutti i giorni passeggiare, alle ore pi disparate, accompagnati dai loro assistenti. Immagino sia cos che il Padreterno accordi l'esca alla preda prescelta. Mi piaceva quel loro modo discreto e timido di essere al mondo; mi piacevano loro, anche se non potrei dire che una certa mia propensione al pietismo non ci abbia messo la zampa. Di fatto formulai un desiderio, e anche senza aver avuto in bocca il primo frutto di stagione il Padreterno parve ascoltarmi. Una settimana dopo mi iscrissi all'ufficio di collocamento, ma poi non ci andai mai. Si sa come sono inconsistenti i desideri quando costano fatica. Eppure... un paio di mesi dopo un mio amico mi chiese se potevo aiutarlo, accompagnandolo al Collocamento per iscriversi a sua volta, e questo mi mostr quanto il Creatore di mondi non lasci facilmente la presa. Arrivati in quello stanzone spiegai al mio amico, Claudio detto "il pazzo", cosa dovesse fare, e intanto diedi un'occhiata al tabellone dei lavori disponibili: ero in graduatoria per un posto di accompagnatore sul pullman che trasportava i ragazzi all'Istituto Don Carlo Gnocchi di Milano. Ero al primo posto, e proprio in quel giorno, di quella graduatoria che sarebbe scaduta, per quanto riguardava me, a sera. Non credevo ai miei occhi. Andai allo sportello e firmai.
Iniziai ad accompagnare i ragazzi andandoli a prendere a casa, per ricondurveli nel tardo pomeriggio. Io sono uno che scherza continuamente e prende in giro il mondo intero, me compreso, e questo ai miei nuovi amici piaceva, tanto da farsi prendere in giro ridendoci sopra divertiti. Giocavamo tutto il tempo, e il Padreterno giocava insieme a noi. Dopo un anno mi promossero all'assistenza in un reparto di degenza interna, ma dovetti presentare una lettera accorata del Parroco di Quarto Oggiaro, il quartiere malfamato dove abitavo, che era una specie di prete operaio, semi comunista, che attestava quanto fosse affidabile quel volenteroso ragazzo che in chiesa non aveva mai messo un piede, naturalmente il prete tralasci quest'ultimo, insignificante, dettaglio.
Don Tommaso, probabilmente, era stato ordinato dall'Assoluto in persona, anche se, scontato, l'Assoluto persona non , essendo incommensurabilmente pi che il semplice essere.

Il reparto nel quale prestavo servizio, come assistente socio-sanitario, era costituito da ragazzi con diverse patologie a diversi gradi di problematicit, ma quella pi presente era la distrofia di Duchnne, quella che non perdona e non riconosce che raramente la possibilit di passare i trenta anni d'et e, quando lo fa, rimedia subito. Di norma gi molto se ti lascia vivere fino ai venticinque. Questa una malattia genetica che affligge principalmente i maschi e si mostra tra i sei e i nove anni di vita del bambino, anche se oggi, con l'esame del DNA, possibile scoprirla con estremo anticipo sulla comparsa dei primi sintomi.
Io sapevo quasi niente di queste caratteristiche della Duchnne che comportavano serie conseguenze, dal momento che una famiglia ne scopriva la sussistenza quando il primo figlio avuto aveva ormai, alle sue spalle, altri fratelli che si sarebbero, con tutta probabilit, ammalati a loro volta.
Ignorando queste questioni stavo parlando con il mio collega dell'assurdit, a mio vedere, che una famiglia continuasse a fare figli dopo il primo nel quale si fosse manifestata la distrofia, e non mi accorsi di avere Chicco e la sua carrozzina alle mie spalle. Chicco era il primo di quattro fratelli distrofici presenti in reparto. Lui si avvicin e mi diede un colpetto delicato alla caviglia, con il poggiapiedi anteriore della carrozzina elettrica, dicendomi

?Cazzo dici, stronzo, anche se sono distrofico a me piace vivere, e piace anche ai miei fratelli!?

Questo mi lasci soltanto la necessit di riconoscere la mia inadeguatezza e vigliaccheria nei confronti del vivere.

Ciao Chicco, Giuseppe, Giambattista, Alfredo, cari amici miei, il coraggio che ho visto in voi non lo dimenticher, e mi d la misura di quanto a me ancora manca.


NOTE AUTORE
Chiamare "coincidenze" certi avvenimenti della vita di una persona cosa, spesso, poco sensata.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Il Peso della farfalla
Erri De Luca
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Il profumo
Patrick Sskind
2 Commenti
Lo Hobbit
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook