NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2008
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
La Scatola Nera


"Meno male che dove non c' un dove anche il tempo pare immobile, altrimenti questa sala d'attesa mi avrebbe snervato"
"Due tizi armati di ali mi hanno detto che mi avrebbero chiamato loro, e che non c'era fretta, almeno finch non avessi capito come aprire la mia scatola nera"
"Io che cazzo ne sapevo di quella scatola, e mi d fastidio che debba essere pure nera"
"Quei due stronzi vogliono che io creda sia la mia anima, glielo leggo nelle intenzioni, visto che tengono gli occhi chiusi"
"C' una tristezza qui dentro che pare un mortorio, solo quei due che si baciano tra le lacrime mi ricordano di essere nella sala d'aspetto del reparto Nuove nascite"
"Avessi almeno un nome, ma mi hanno tolto pure quello quando sono morto, e adesso mi chiamano con un "Hei tu"!"
"Ma quante volte devo sentirmi dire che arrivata la mia ora?"
"Mi fanno entrare in un'altra dimensione del cazzo, dopo avermi dato tutti gli elementi per non credere alla sua sussistenza, e mi sbattono di qua e di l senza rispetto alcuno, mentre l'assenza di misericordia traspare da tutti i loro sorrisetti maliziosi"
"Se questi sono gli angeli figurarsi come saranno i dmoni, a meno che non siano proprio loro i dmoni... "
"Fanculo, qui come nella vita passata"
"Nessuno che ti dice una cosa giusta e tutti si scandalizzano che tu non abbia ancora capito cosa ci stiamo a fare in questa bolgia d'imbroglioni stronzi"

"Te lo diciamo noi cosa ti aspetta, e ti aspetta quello che dovrai essere" una fila di essenze dietro a volti irreali, nell'immobilit giudicante, si presenta con l'aria di fare una menata

"Sentite, facciamola breve che mi sono rotto i coglioni di tutta 'sta trafila demente" mi sento dire isterico
"Che cazzo volete da me, visi pallidi?" loro non muovono un ciglio, dandosi l'aria di conoscermi meglio di come mi conosco io, cosa manifestamente priva di valore dal momento che io non mi conosco affatto

"Non mi direte che la giostra si deve pagare dopo aver concluso il giro, vero?" il mio tentativo di scoprire, provocandoli, chi fossero quei visi sparisce nel vuoto in cui tutto infangato e quelle espressioni, insinuatesi illegalmente nel mio sentire, sembrano cercare qualcosa che non trovano.

"Tu sei una manifestazione di luce, e sei stato dotato di un'intelligenza capace di oggettivit, e l'oggettivit Verit"
"Il non aver applicato al tuo vivere la possibilit di apertura incondizionata verso la trascendenza mostra che, per te, l'intelligenza un lusso che non ti puoi concedere"
"Ora noi valuteremo, per il potere concessoci dal Mistero senza nome, il grado esistenziale e la forma che assumerai nella sfumatura in cui una nuova esistenza aspetta le tue fatiche"

Tra tutte le cose che potevano dire quella che avevano appena sputato al moncone che restava di me era la peggiore. Non potevo credere a quello che avevo capito essere il risultato di una vergognosa trappola, nella quale ero stato tirato in mezzo come un animale che si dovr rimangiare il proprio vomito

"E come mai nessuno, prima d'ora, mi ha mai detto che ero intelligente?"
"Adesso arrivate voi e mi volete togliere quello che non ho mai avuto?"
"E questo Mistero, che si tiene nascosto agli occhi del mondo e che manco si mostra adesso, mentre me le manda a dire dai suoi sicari?"
"Chi o cosa ?" stavolta ero furioso davvero, come uno che dopo ore di coda si sente dire di avere sbagliato sportello, dallo stesso impiegato che gli aveva dato l'indicazione sbagliata.
Quelli non avrebbero mosso un muscolo nemmeno se l'avessero avuto.

"Il Mistero non , perch l'essere sarebbe una costrizione insostenibile per Lui" sibilarono a una sola voce

"Eccoli l, prima a dirti che sei un essere creato a Sua immagine e somiglianza, poi che a Lui fa schifo l'essere... io non ne posso pi di 'ste cagate cosmiche, ridatemi il mio nulla e cancellatemi dal programma di recupero ch tanto destinato a fallire!" avessi avuto un corpo senza quelle mutilazioni me ne sarei andato seduta stante, da quel ridicolo consesso di inquisitori spirituali.

"Il tuo destino universale nel Centro che ti aspetta come sempre, e a noi non concesso togliertelo, ma la strada per raggiungerlo... quella s che te la possiamo allungare, e anche riempirla di bivi"
"In quegli incroci, in mezzo ai quali dovrai scegliere il male minore, non sarai pi aiutato dall'intelligenza che tu hai fino a qui insultato, e che il Mistero abbia piet di te..."
"Nascerai come uomo!"

Cosa fosse un uomo ormai sarebbe stata la cosa che mi avrebbe interessato di pi, in quella miriade incalcolabile di realt complesse che galleggiava nel buio cosmico, e mi lasciai accompagnare senza metterla gi dura, come avr probabilmente fatto tutte le altre volte, chiss dove, quando e in quali forme.

Per quel "non scorrere", dove nascita e morte si sovrappongono mancandosi di poco, la nascita somiglia a un pianto di dolore, mentre nel posto umido, nuovo e sconosciuto dove ora sono stato imprigionato, sento aria di festa attorno a me, e mi pare proprio la prova che l'intelligenza me la devono avere tolta del tutto.


NOTE AUTORE
Non ricordavo di averla scritta questa storia ma oggi, cliccando su un sito di scrittura sul Web, ho visto che una delle storie pi lette tra quelle pubblicate l, e con un titolo che mi ricordava qualcosa di imprecisato. Cos sono andato a leggerla, accorgendomi di averla scritta io. Ormai, avendone scritte, in questi tre anni, centinaia, alcune tentano di sfuggire alla mia memoria, ma intanto questa l'ho riacchiappata...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Panino al prosciutto
charles bukowski
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
"Il Dio delle piccole cose"
Arundhati Roy
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook