NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/8/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Il Maestro di nessuno e la chiave


Un uomo si ergeva in modo che nessuno potesse notare la sua stanchezza, perch aveva una funzione da svolgere, assegnatagli dal Mistero: accompagnare i discepoli spinti fino al suo eremo, dal Mistero in persona, a essere pronti alla visione della Verit unica senza, per questo, dover impazzire.
A questo scopo vestiva curando che il suo aspetto suscitasse riverenza e timore, in chi gli domandava sul sapere che lo teneva dritto e candido, in quella grotta umida e fredda, che costringeva tutti a piegarsi.
Lui sorrideva dentro di s, in quello spettacolo per tonti che aveva escogitato, allo scopo di spingere fuori strada coloro che percorrevano i pericolosi sentieri delle alte cime, nell'intento di porre a lui questioni che non potevano essere soddisfatte a parole.
Lo chiamavano Maestro quando, in realt, lui mostrava il contrario della Verit.
Non che dicesse falsit, parlava cos poco che in quel poco non restava spazio per dire bugie, ma la rigidit dei suoi modi duri, i suoi abiti e la fermezza della posizione instancabile che teneva da anni, incurante dei capricci del gelo di quelle altitudini, gli conferivano un'aura di potenza misteriosa che solo la consapevolezza spirituale poteva concedere, e solo all'eletto che non aveva temuto la vittoria sui propri limiti.
Lui sapeva bene che se avesse indicato la giusta via, diversa per ognuno, a ogni aspirante che gli chiedeva indicazioni interiori, avrebbe commesso uno sbaglio difficile da riaggiustare.
Cos aveva messo in piedi quel ridicolo teatrino, come se la Verit si trovasse celata in mezzo alla pienezza contenta di s, lasciando l'impressione che il Vero fosse una specie di rigoroso temporale dell'anima che non aveva pi un tetto sulle proprie, infinite, aspirazioni.
Quale altro modo per conoscere le reali intenzioni di chi si avventurava sino a lui?
Solo a chi avesse avuto la forza e il carattere di non cadere in quel tranello, avrebbe potuto comunicare il Silenzio che prelude alla visione del Vero che si mostra in abiti che la Verit non ama.
Quando lui era ancora un giovane contadino, primo di nove fratelli e senza il diritto di aspirare alla vita monastica, si ruppe una gamba in seguito alla spinta di uno Yak, su un sentiero a quattromila metri di altitudine. Fu soccorso dal pastore pi mal messo mai incontrato, pi ignorante delle sue stesse bestie il quale, oltre a curargli il corpo, gli spost lo sguardo verso l'interno di s senza che lui potesse avvedersene. Nei giorni successivi, tornato al suo villaggio, una misteriosa serie di domande attorno al perch della vita gli si affacci inusualmente alla coscienza, che sentiva la necessit di ordinare le inaspettate intuizioni del suo spirito, in modo che la mente potesse considerarle attraverso la logica. Fu un'esperienza terribile, perch quando la Verit dei princpi sui quali la realt fondata si mostra, per prima cosa ti mostra ci che sei nelle tue reali intenzioni. Al primo sconcerto, che si protrasse per un'intera luna, si sostitu lo stupore di non aver mai saputo guardare i legami che annodano tra loro tante parziali verit ferite, alla perfezione dell'unica e indivisa Verit. In seguito fu la meraviglia a prendere il sopravvento sugli altri stati d'animo, che stavano a bocca aperta sullo spuntone di roccia che apriva lo sguardo dell'Intuire alla visione di un insieme che comprendeva l'alto e il basso, il dentro e il fuori di una magnifica realt che stava tutt'attorno al centro dal quale un nuovo e diverso osservare valutava ci che, per ora, riusciva a scorgere della possibilit universale. Quel vedere era solo il primo passo mosso verso l'ignoto, e lui lo capiva allo stesso modo di un bimbo che sente il bisogno di muovere anche l'altro piede dopo aver spostato il primo verso il centro di s.
Non ebbe modo di incontrare una seconda volta quel pastore, anche se lo cerc per anni, e quando raggiunse finalmente la capacit di essere sincero e rispettoso con se stesso, pot ascoltare la Voce del Centro, rispetto alla quale la sua vecchia coscienza, di cui quest'ultima aveva preso il posto, gli appariva come un servo sempre disposto a farsi comprare.

Molte nuvole avevano attraversato il cielo della sua mente, da allora, pi di quante assediavano le alte cime che lo deridevano in silenzio, e ancora tanto lungo appariva il sentiero da percorrere che conduceva alla montagna invisibile, quella cos piccola da stare dentro all'attimo.
Lui ascoltava la Voce silenziosa e smascherava ogni impossibilit che si scontrasse con la Legge che gli si mostrava nuda, in tutto il fulgore di un'Intelligenza alla quale lui si dissetava.

La Voce aveva condotto al suo anfratto spoglio altri assetati, ma lui sapeva di non poter dar loro da bere. Dovevano imparare a riconoscere da soli la fonte, perch l'Essenza non zampilla dalle parole, come l'acqua non sgorga prima che un'apertura interna lo consenta.
Intimoriva le persone con gesti severi, gli stessi che usava per accarezzarle senza farsi scorgere; le lasciava all'aperto a consegnare le loro invocazioni al vento pungente, che non osava introdursi nello scomodo giaciglio di un vecchio pazzo, perch il vento teme la calma.
Molti tornarono presto sui loro passi delusi, altri tennero duro a lungo, ma mai nessuno fu disposto a rinunciare alle proprie opinioni.
Lui era il Maestro di nessuno, e ignorava ancora molte cose del Mistero, anche di essere chiamato cos nelle valli sottostanti.

Una notte arriv da lui un ragazzo il quale, sfinito dalla fatica e mezzo congelato, gli svenne davanti.
Il Maestro di nessuno lo port nell'anfratto roccioso, e lo riscald con gli occhi senza neppure toccarlo.
Il mattino seguente un'oscura tempesta frust di scaglie gelide la grotta, impedendo al ragazzo di guardare i disegni coi quali le stesse leggi che danno forma ai pensieri si divertono a immortalare nelle pareti la fantasia delle forme, sempre diverse, che imprimono onde in quel mare di roccia.
Due giorni dopo il cielo si distese d'azzurro, e la montagna pot riguadagnare la vista sul mondo.

"Cosa cerchi?" chiese il Maestro al ragazzo

"Maestro..." rispose il giovane
"Sto cercando la chiave che apre tutte le porte"

"La chiave serve solo se c' una porta da aprire, e la porta costruita dall'uomo per nascondere ci che non riesce a immaginare" disse, senza alzare gli occhi dal vuoto, il vecchio saggio
"La chiave forgiata dal punto di vista dal quale si osserva il mondo, e ogni punto d'osservazione non vede l'orizzonte dall'altro lato"
" per questo che tante sono le chiavi quanti sono gli occhi che guardano"

"Ma io cerco la sola chiave che apre tutte le porte del Cielo" insistette il giovane

"Quella non una chiave" rispose il Maestro
"Perch la chiave forgiata dalla domanda e se la domanda cambia, la chiave non entra pi nella serratura della risposta"
"La chiave che d la risposta ha un profilo adatto alla domanda fatta, e a ogni domanda corrisponde una risposta che nega quella domanda e avr una chiave diversa che le si adatter"
"Per questo la chiave delle chiavi non una chiave"

"Cos', allora, Maestro?"

"Per rispondere all'infinita creativit del Mistero necessario poter vedere le leggi stabili che da Quello si allontanano"

"Come fanno a essere stabili se si allontanano dal Centro immobile, Maestro?"
"Non devono muoversi per allontanarsene?"

"S, devono muoversi come si muove il sole, che mantiene una fissit maggiore dei pianeti che gli ruotano attorno, nei confronti del Sole di tutti i soli"
"Le leggi fisse dell'universo non sono assolute, l'Assoluto unico e senza parti, ma sono la realt pi vicina a Quello e si allontanano dall'Assoluto portando l'Assoluto dentro di s"
"Queste leggi sono al centro dell'universo e di ogni cosa che nell'universo"
"Sono la voce e la volont di Libert dell'Assoluto"
"Sono le sbarre della prigione che conduce a essere liberi"

"Quali sono queste leggi, Maestro?"

"Io posso soltanto dirti dove puoi andare a cercare senza possibilit di trovare"
"La tua mente non pu trovare la Verit cercandola"
"Il tuo cuore non trover l'amore cercandolo"
"L'Amore trover te se avrai il cuore aperto"
"La Verit ti trover se avrai la mente vuota"

Il giovane guard il Maestro e cap il perch del suo nome. Usc da quella grotta pi confuso di quando ci era arrivato, ma nei giorni seguenti una miriade di domande che non si era mai posto prima gli affollarono la mente e il cuore, e i princpi che regolano vita e morte gli si mostrarono nella loro imperturbabilit. Fu un'esperienza terribile, perch quando la Verit dei princpi sui quali la realt fondata si mostra, per prima cosa ti mostra ci che sei nelle tue reali intenzioni.


NOTE AUTORE
Parlo solo in presenza del mio avvocato, perch la mia maestra non vuol pi sentire parlare di me...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
L'arciere del Re
Bernard Cornwell
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Il signore degli anelli
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook