NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 7/8/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Societ
Il ponte del Saltone


Erano ormai ricordi lontani i pensieri di pace che avevano governato la sua vita fino a quel momento. Lui, che accarezzava le farfalle e conversava coi grilli, solleticandogli le zampine con un filo d'erba, mentre puliva l'ingresso dei loro buchi nel terreno in pendenza, e che per questa posizione non s'allagavano come, invece, aveva fatto il suo cuore disfatto dall'odio. Per quest'odiare, ogni volta che impugnava il piccone, il suo desiderio d'ammazzare si risvegliava di nuovo, lasciando umido di rabbia l'anfratto cieco della sua anima, dove raramente dormiva.
Non ne poteva pi di coltivare una calma scambiata per debolezza e aveva deciso, nell'intimit del suo furore, di farla finita. D'altrnde la morte sempre gli aveva camminato di fianco, silenziosa come un amico che non aveva pi niente da dirgli, perch gi conosceva il finale e non voleva rovinargli lo spettacolo.
Su quella montagna, perennemente incazzata, lui c'era quasi nato, ed era abituato al fastidio di vivere tra genti che avrebbero voluto esser sole al mondo, e che lo erano quasi. Lui era gentile con tutti, e si sarebbe accontentato anche dell'indifferenza ma, pian piano, il malumore che le persone nutrivano per lui si era mutato in livore e il livore in odio. Una notte nella quale il suo cuore gli doleva nel petto si alz, e si diresse deciso al ponte del Gran Saltone. Nemmeno i chilometri che l'avevano diviso da quella vertigine riuscirono a soffocargli la rabbia. Appoggiato a quella ringhiera gelida guard i fiori di plastica smunta, impiccati sul vuoto, che dovevano ricordare a tutti il pianto della gente che aveva voltato la schiena al mondo. Decise di sporgersi a insultare il buio che lo stava respingendo, e percep vortici d'acqua che, litigando in quella ferita della terra, avevano le voci dei disperati di cui era gonfio il torrente, frettoloso e lontano, e urlavano vendette rifiutate, gemendo di desideri trasformati in rimpianti, e sussurravano nella mente di chi voleva seguirne il destino:
"Non farlo!"
Una strana calma si diffuse come febbre nei suoi pensieri e il passo gli si fece prudente, nel discendere quel cieco dirupo fino all'acqua, che bevve, sentendola calda come sangue e giur, a quelle anime ferme nel vortice dei rancori, che avrebbe fatto giustizia anche per loro. Ma quale giustizia preferibile all'azione, paziente, della Verit?
Sempre, quando si guarda la vita dall'alto, non si vede altro che un compito da portare a termine, ma quale intelligenza potrebbe credere che l'odio possa riparare l'odio senza aumentarne la forza?

http://img94.imageshack.us/img94/2672/ilpontedelsaltone.jpg


NOTE AUTORE
I comuni divisi dal ponte stanno pensando di mettere delle reti anti-suicidio ai lati del ponte, ma non possono riparare alle tragiche solitudini che inducono le persone a buttarsi di sotto.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Un piano semplice
Scott Smith
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook