NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 31/1/2011
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Riflessioni
La gente dello sballo


Tra la gente dello sballo c' di tutto, e non potrebbe essere diversamente, perch quasi tutti gli umani, in un modo o nell'altro, sballano.
Non sarebbe mia intenzione, ora, analizzare le forme di sballo pi severe e perverse, quelle che si assumono in non modica quantit sulla poltrona di casa, davanti alla telenovela, quelle che devastano la stessa anima che tenta di reggersi in piedi facendo la morale all'altra anima, quella della propria figlia che tornata a casa tardi, con gli occhi arrossati per aver fumato una canna, ridendo con gli amici. Non mi va nemmeno di tirare in ballo la droga virulenta assunta da tutti quelli che stanno a lavorare fino a tardi, per potersi pagare le puttane e i sedili in pelle d'agnello che fanno da contraltare a un volante in radica. Mi parrebbe anche fuori luogo tirare in mezzo i salotti bene, dove attempate puritane si giocano a ramino la pensione di reversibilit del marito, inciuccandosi di fernet. Perch se ne parlassi dovrei poi nominare anche le casalinghe, che hanno ancora in bocca il sapore dell'ostia, e che sniffano ammoniaca spostando la polvere da un soprammobile all'altro. Naturalmente non voglio coinvolgere il ciclista che lascia la famiglia muta mentre esce, con qualsiasi tempo, sulla sua bicicletta per pedalare pensando a quanto sarebbe stato bello non essersi fatto una famiglia, che lo ha costretto a stare sotto i cinquemila euro per l'acquisto di un telaio in carbonio che non gli impedisce di fare a piedi la salita del Ghisallo. Vorrei dire, invece, di un dipendente Enel Gas che una mattina si presentato a casa mia, per effettuare un controllo sulla sicurezza del mio impianto in cucina. Entr con una borsa di finta-pelle nera che non ha mai aperto, dietro a un'aria cos professionale che mi intimor. Si diresse verso i fornelli e li apr, uno dopo l'altro in sequenza, sniffando da vicino il gas che ne usciva, con lunghe e profonde inalazioni. Dopo un paio di minuti che avrebbero inginocchiato un bisonte, mi guard con occhi intasati di sangue tossico, dicendo che la pressione era okkey. Io, esterrefatto, gli chiesi come mai non usasse il captatore elettronico, e lui rispose che la macchinetta non era affidabile come la sua sensibilit, affinata da trenta anni di appassionata dedizione alla causa. Se ne and sbandando come un drogato appena dimesso dalla sala rianimazione, e and a suonare, appendendosi al campanello, alla porta della mia vicina di casa. Tra la gente dello sballo c' di tutto, ma qualcuno tra questi riuscito a super specializzarsi facendo, dello stravolgersi, una professione eroica...


NOTE AUTORE
Storia tanto incredibile quanto realmente accadutami
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

La 25a ora
David Benioff
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
L'arciere del Re
Bernard Cornwell
1 Commento
Panino al prosciutto
charles bukowski
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook