NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 14/3/2011
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Ai confini della nostra galassia


L'esame era di quelli che non lasciano scampo, e lei lo sapeva perch tutti lo sapevano, per questo l'avevano chiamato l'esame del "Navigare nel vuoto".
Erano strana gente i navigatori, perch dovevano esserlo per nascita.
C'era un solo modo per determinare le misteriose qualificazioni che si sarebbero trasformate nella visione del niente, ed era l'esame dell'intelletto che sapeva scansarsi dalle convenzioni dell'intelligenza discorsiva. Cos l'esame del "Navigare nel vuoto" scandagliava l'intellettualit di ognuno, misurandone la capacit attraverso il silenzio. Questo era l'unico esame che tutti erano costretti a sostenere. Costretti dalla necessit che hanno le Astronavi di non perdersi nello spazio siderale. I sistemi elettronici che stabilivano le rotte erano estremamente sofisticati nell'anno duecento trenta dopo Ares, l'ultimo Profeta che aveva illuminato la vita interiore dei terrestri, ma le interferenze elettromagnetiche dei soli incontrati nei nuovi viaggi siderali, consentiti dall'avanzato sistema a contrazione temporale, davano scarti nei calcoli di rotta che innescavano pericolose deviazioni, misurabili solo attraverso l'immediatezza intuitiva di alcuni esseri umani che percepivano l'ampiezza di quello scarto in assenza di pensieri. Per questa ragione l'esame era imposto, da una legge planetaria, a tutti gli abitanti della Terra, anche a coloro che erano svantaggiati nella sfera psichica, e persino ai pazzi e ai delinquenti. Erano cos rari i navigatori che nella storia della ricerca spaziale terrestre, incaricata di trovare nuove stelle simili al sole, se ne erano contati solo tre, tutti in viaggio da tempo, su Astronavi lanciate in direzioni che occupavano tre dei quattro angoli della croce cosmica. Restava da indagare il quarto, e la gigantesca Nave che ruotava insieme alla Terra, con una precisione che la rendeva immobile nel cielo, era l, ad aspettare il suo navigatore.

Elsa era un puntino che aveva appena compiuto il suo sedicesimo anno di vita, e si stava chiedendo che stesse l a fare, isolata, come tutti, in attesa di subire la confusione dalla quale avrebbe dovuto uscire.
Essere scelti significava dover lasciare la famiglia, gli amici e ogni altro affetto, che sarebbero stati sostituiti dall'amore per l'intera umanit.
Significava anche dover amare gli individui malvagi, come Ares, il figlio di Dio, aveva profetizzato.

Come un velo l'oscurit chimica l'avvolse, cancellandole ogni percezione spazio-temporale, e si trov persa nell'oscurit della sua anima.
Come acqua, che cancella la scia lasciata da ogni memoria, lo spazio oscuro si chiuse attorno a lei, lasciandole solo il pulsare dell'angoscia nelle tempie.
Un pensiero prese forma in quell'oscurit, silenziosamente, e lei seppe che lo spazio aveva confini propri.
L'Infinito, che assenza di limiti, le stava dicendo che le distanze siderali erano il battito di ciglia di un universo che non riusciva a immaginare di essere frutto della necessit di sbagliare.
E quell'errare poteva essere cancellato da chi sapesse di essere al centro del Tutto.

L'Astronave s'illumin di avventura all'entrata di Elsa sul ponte di comando, e si prepar a lasciarsi guidare verso un confine che non avrebbe mai raggiunto.


NOTE AUTORE
...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Il signore degli anelli
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
La 25a ora
David Benioff
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook