NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 5/4/2011
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Riflessioni
Logica vuole...


Chi scrive ha cose da dire e, di solito, dire significa comunicare, attraverso un modo sicuro, ipotesi estremamente insicure. Cosa ci sia da comunicare di cos importante da sedersi e perdere tutto quel tempo, escogitando modi interessanti di esposizione, non facile dirlo, certo che sono tante le persone che perdono quel tempo. Si dice anche che scrivere aiuti a non perdere la calma e finire con lo sbattere la testa contro uno o pi spigoli.
In effetti se si sta seduti pi difficile attentare a quella cosa dura che contiene la massa molliccia, piena di arzigogoli e circonvoluzioni, che partecipa alla stesura delle storie da raccontare.
Chi scrive sa che non facile convincere le persone.
Si sa che si fa fatica a convincerle anche dando soldi in cambio mentre le si fissa con la sincerit negli occhi, ci si pu immaginare cosa si deve escogitare per aiutarli a modificare la loro vita come piace a noi che scriviamo.
Eppure questa scrittura ha, e l'ha fatto un sacco di volte, inclinato le scelte di vita di intere popolazioni.
I trattati di resa, nelle guerre, sono scritti per evitare che ci si rimangino in fretta le promesse di pace, per esempio.
Eccezionale l'invenzione della croce tracciata per firmare, ed pure una dimostrazione che la scrittura conosce il modo di deformare il senso di certi simboli allo scopo di invertirlo.
in questo modo che un simbolo di amore stato trasformato in uno che esprime fiducia.
Chi mette la croce non sa leggere e, dunque, si deve fidare.
I trattati che hanno tracciato i confini delle riserve indiane, per dirne una, sono pieni di croci.
Io scrivo abbastanza spesso, e non per allontanare eventi infausti e pericolosi, nemmeno loro si fanno convincere facile, ma lo faccio per rendere noto che l'avere convinzioni a questo mondo avr conseguenze nefaste.
Cos scrivo nel tentativo di mostrare quanto le convinzioni degli altri siano lontane dalla verit; naturalmente la verit quella che conosco io.
Qui la faccenda assume toni parossistici perch se avessi scritto esagerati nessuno l'avrebbe notato.
Mi si chieder cosa sia, per me, la verit, e io non ho altro modo per rispondere che scrivere ancora: la verit la realt, tale e quale a ci che essa . Mi si dovr riconoscere che almeno so scrivere, mica facile definire le cose.
Per fortuna mi trovo preparato a farlo, dato che conosco in anticipo le domande che mi sono poste.
La manovra principale che attuo, quando scrivo, riferita all'utilizzo del ragionamento logico e consequenziale.
Sta a dire che dopo l'uno c' il due e poi il tre.
Se si torna indietro sar il contrario.
Questa logica purissima, eppure non quasi utilizzata da nessuno. Di norma chi scrive formula un presupposto costruito attorno a un pensiero che gli passato per la mente senza che sia possibile sapere da dove venuto, e da l procede secondo schemi appresi alla scuola dell'infanzia e affinati all'universit.
Per tutti la logica assicurerebbe la verit attraverso il suo scolpire ghirigori sotto gli altari dell'intelligenza razionale, che caratteristica tipica della specie umana.
S, perch le bestie non si fanno fregare facile come noi, e vanno subito al sodo. Comunicano tra loro a occhiate, rizzate di pelo, ringhi sbuffi e smorfie, e ridono molto raramente, facendo in modo che gli umani non se ne accorgano.
Per gli animali la logica quella dell'attacco e della fuga, e in questo assomigliano agli intellettuali quando questi ultimi stanno in gruppi di pi di una persona alla volta.
I segreti del ragionamento logico sono insegnati in modi talmente logici da risultare estremamente complessi: se A uguale a B e B diverso da C... risulter essere diverso da C anche A.
La bestia non sta l a cincischiare, arraffa A, B e C e se la svigna. Non sta a considerare la principale legge della logica, "il principio di non contraddizione": se A uguale a B e B diverso da C... se si afferma che A uguale a C si cade in una contraddizione irrisolvibile, dunque una "non verit" che costituisce una "vera" impossibilit.
Quando una realt impossibile non vera, a differenza di una falsit che una vera falsit.
Impossibile non significa falso, se lo significasse saremmo tutti in un terribile stato, perch ci saremmo senza meritarcelo.
Logica vuole, invece, che ce lo meritiamo.


NOTE AUTORE
Stavolta ho scritto una cosa per convincere me.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

"Il Dio delle piccole cose"
Arundhati Roy
1 Commento
Panino al prosciutto
charles bukowski
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Lo Hobbit
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook