NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2009
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Biografia
Il ragno


Quattro occhietti lucidi e senza palpebre si facevano spazio tra peli fitti, grigi e appuntiti, in una testolina grande la met dell'addome, tondo e grassoccio, che le stava dietro. Come riesca, quell'esserino pelosetto, a trasformare la carne della sue prede in fili elastici, collosi e robustissimi, non dato sapere, e deve essere un segreto che tutti i ragni sanno ben custodire se l'uomo ancora non lo conosce. Un segreto che gli consente di non appiccicarsi alla stessa tela che gli procura il nutrimento.
La sagacit di questo insetto dovrebbe consentire, alla specie umana, di mettere in forse la propria celebrata intelligenza, dal momento che la trappola che l'uomo ha imparato a costruirsi, per sopravvivere, gli si incollata addosso imprigionandolo senza scampo.
L'uomo si compiace della sua tela, tanto che la chiama "progresso", e per lui poco conta che ci stia soffocando dentro.
Il ragno di questa storia di quelli comuni, tondo, grigio e con una croce sulla schiena.
da un mese che osservo quello che combina, pi o meno da quando comparso fuori dalla mia casa, e lui cura quello che faccio io. Dal suo sguardo sembrerebbe deluso. Come dargli torto, al suo confronto io sembro un bipede approssimativo. Lo squadrarmi pietoso mostra la sua convinzione che sia il numero di zampe e di occhi a indicare le qualit intellettuali di un essere.
Ma la tragedia che vive la mia specie, o forse solo io, non sta soltanto nelle quattro zampe che abbiamo, neppure sufficienti per fughe dignitose. Rispetto a lui io sono pi grosso e pesante, ma s'intuisce subito che lui certo che la grossezza e il peso non sono aspetti correlati alla qualit. Gli uomini, invece, ne sono convinti, al punto da credere di essere pi intelligenti delle donne per i dieci grammi che hanno di cervello in pi, senza sospettare che possano essere l per aggravare ulteriormente le loro responsabilit nel non sapere che farsene.
Il ragno, d'altra parte, ha cose pi importanti da fare: costruire una tela resistente agli incazzi della natura non una sciocchezza, senza contare l'impegno di tendere i cavi principali della sua struttura, per i molti metri che separano i due muri del mio cortile.
Lo ha fatto di notte, sono sicuro per non rivelarmi il trucco, e al mattino l'ho intravisto guardare con sufficienza il mio stupore.
Appena arrivato nei pressi della mia casa la tela voleva tenderla tra le felci sotto alla cassetta della posta, un lavoretto da nulla per un ingegno come il suo, ma io da l dovevo passare spesso, cos l'ha spostata in un posto pi sicuro, accanto alla mia moto, ma senza coinvolgerla. Ancora non so se attraversi il mio cortile via terra o correndo per il perimetro dei muri, con in bocca il bandolo della sua matassa, masticando e filando in un continuum di spessore uniforme, per evitare che il filo si arricci.
Da parte mia bestemmio al minimo accenno di garbuglio, maledicendo di essermi tagliato le unghie.
Ho notato che il ragno sistema la tela tutti i giorni, ma quando sospetta che venga a piovere si ferma, e riprende il lavoro quando rispunta il sole, andando avanti e indietro continuamente sui fili dell'ordito per irrobustirli ispessendoli, ma senza esagerare, per non togliere loro la necessaria elasticit.
Il nostro ragno ha piccolissimi denti, inadatti a mordere, eppure tutti gli uomini hanno paura del suo morso.
Ma una cosa, a nostra difesa, c', perch noi maschi ci accoppiamo con le femmine senza che queste ci divorino subito dopo, e questo un fatto che non ce lo pu togliere nessuno, e adesso che me ne sono ricordato esco, lo guardo fisso negli occhi, quel ragnetto insignificante, e lo derido, ecchecavolo! In fondo se l' cercata.
Lui sta l, senza valutare il pericolo della mia stazza, cos mi avvicino imponente e lo fisso, sostenendo il suo sguardo curioso, e compongo nella mia mente, per ritrasmettergliela, l'immagine di me che, dopo l'accoppiamento, mi accendo una sigaretta, anche se non fumo, invece di finire accoppato come accade a lui con la sua compagna pi grossa di lui, e proprio mentre capisco che sta ricevendo l'immagine dal fatto che fatica a reggere il mio sguardo... la voce prepotente di mia moglie frantuma un successo che era ormai quasi totale:"Allora, stronzo, hai finito o no di lavare i piatti?".


NOTE AUTORE
Autobiografico...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Il Peso della farfalla
Erri De Luca
1 Commento
Venuto al mondo
Margaret Mazzantini
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
La notte del drive-in
Joe R. Lansdale
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook