NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2009
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
La guerra e la pace


"Cari ragazzi oggi parleremo della guerra, e sar una preparazione all'esame finale che di questo tema tratter; costituir anche una bella e istruttiva lezione per tutti noi"
Con un tono esageratamente eccitato e malauguratamente commisurato al tema da trattare, una professoressa dai lineamenti delicati e rubicondi, con una stazza che la costringeva a stare a lato della cattedra, la quale aveva una sedia che sarebbe stata messa a rischio se lei si fosse seduta sopra, incitava la classe a guardare la vita in una delle sue tante possibilit, estrema non si capiva ancora quanto, ma certamente non usuale per dei ragazzi che affidavano il proprio futuro alla generosit dei genitori e ai conservanti delle tortine sintetiche.
"Forza allora, mi aspetto da voi una vera analisi, pi approfondita e seria delle solite e banali considerazioni da pulpito pacifista e consumista"
"Che ha contro i pacifisti?" sbott Arturo, un pankabestia che avevano dovuto faticare per convincerlo a lasciare il suo rothwailer legato all'inferriata del cortile
"Perch, adesso non si pu pi essere pacifisti?" aggiunse in fretta, prima di dimenticarsi il termine usato per definire chi ama la pace, ma soprassedendo sull'altro, quello che lo vedeva in fila al supermercato della droga.
La professoressa, una reduce di un sessantotto che aveva tradito, ingrassata anche lei ai banconi dei Discount dimen, come fanno i cani, il culone impercettibilmente, ma la finta lattina di coca che conteneva la gomma e la matitona rossa e blu delle correzioni si rovesci lo stesso
"Anch'io sarei una pacifista, se mi fossi dimenticata che la relativa pace che stiamo vivendo ora il frutto dell'ultima guerra di resistenza" disse di getto, come per giustificarsi alla sua stessa memoria che le rammentava le molotov da lei lanciate ai cortei di protesta.
"Ma quale resistenza? Se non ci fossero stati gli Americani e i Russi, a liberare l'Europa, oggi lei vestirebbe una divisa con le aquile rampanti sulle spalline e una fila di medaglie le opprimerebbe il seno" l'interruppe un'esile figura, resa ancora pi pallida dai vestiti, neri e lugubri, che non avrebbero avuto bisogno di una bara per far capire dove avrebbero ambto sfilare.
La prof. fatic a mantenere un contegno, suo padre era morto eroicamente combattendo insieme ai partigiani, e lei non avrebbe tollerato quella mancanza di rispetto per i caduti della libert
"Il modo in cui tu ti vesti, ragazzina, farebbe pensare che i nazisti non siano stati sterminati del tutto!" sbott, nella fatica di non poterla aggredire con unghie e denti.
Per un attimo sembr che la guerra si dovesse fare in quel momento, per riuscire a comprenderla a fondo, ma uno scontro generazionale non trovava ancora un terreno fertile, nello spazio che divideva la sessantottina convertita alla realt del consumo a quei figli, stanchi della vita prima ancora di averne inghiottito un morso.
"Ora, ragazzi, vorrei che cominciaste a riflettere sul senso generale che rivestono i concetti di guerra e di pace" svicol la professoressa, nel tentare di coinvolgere quelli che, ai suoi occhi, erano solo elementi di una generazione che avrebbe meritato solo la guerra.
Dietro occhi cerchiati dal dormire senza sognare prese forma, stranamente, un concetto quasi compiuto, e una vocina rassegnata enunci:"La guerra sempre un male e non mai giustificata, lo dicono occhi di bambini mutilati, lo urlano donne violate, lo ricordano le macerie rimaste"
Un applauso, iniziato come un risveglio dal coma profondo, si lev sullo sfondo dei muri scrostati di quella scuola che non lasciavano spazio all'immaginazione, la quale non sentiva la necessit di sforzarsi, l dentro, per vedere rovine.
La prof. cominci a intravedere una possibile riuscita del suo progetto di portare quei delinquenti a ragionare
"Vorrei, ragazzi, che rifletteste anche su cosa potrebbe diventare una pace imposta"
Aveva cos commesso l'errore fatale che la classe intera attendeva per rivoltarsi, perch non c'era uno studente, tra loro, che non fosse convinto di subirla quella pace fasulla.
"Si riferisce all'ipocrisia capace di definire una qualsiasi pace come fosse il frutto di scelte individuali?" sibil il fricchettone dell'ultimo banco vicino alla finestra, quello col mozzicone di canna spento in mano e che lo riaccendeva ogni volta che la prof. si girava a scrivere sulla lavagna
"Eh... adesso si esagera, quello che si pu dire che nessuno di voi contribuisce all'arricchimento di quella che non considerate una pace vera"
"Io mi riferivo a cosa sarebbe oggi la pace se governassero i nazisti"
"E chi che ci governa oggi, scusi?" irruppe il solito comunista manifestaiolo con la Kefiah attorno al collo.
La donna si irrigid nel ricordo di quella studentessa ribelle che era stata, e si riconobbe nella stessa rigidit che caratterizza i giovani che hanno vissuto poco e male, rigidit che svaluta anche le buone ragioni che li sostengono
"Voi non avete la minima idea di cosa significhi il terrore!" ormai la discussione sembrava dirigersi in una direzione che l'avrebbe data quell'idea
" terrore alzarsi tutte le mattine col pensiero di dover sopportare la vostre ribellioni esagerate, che danno forza alle ragioni con le quali i poteri di uno stato, autoritario e ipocrita, vi dominano attraverso la restrizione delle libert che, quando lasciate respirare voi strapazzate, volgarizzandole verso i vostri interessi personali!" alit imbestialita la donna, ormai allo stremo di una pazienza da tempo agli sgoccioli.
"Ha parlato una che manco riesce a salire le scale senza il nostro aiuto"
"Gi, prof. faceva una pi bella figura a star zitta, evitando di sparlare di consumismo ch, confronto a lei, il mio frigo pare un termos da passeggio"
Il fricchettone dell'ultimo banco, annusata l'aria, si riaccese la canna quasi finita, e un odore di biglietto da metropolitana bruciato si diffuse, gareggiando con la rabbia che spaventava la scarsa e maleodorante aria della classe che vi annegava dentro.
Un tamburellare odioso di mani sui banchi crebbe improvvisamente d'intensit, e la prof. non ci vide pi: i suoi occhi furono occupati dall'odio, anche se privo del sacco a pelo che si usava per dormire nelle aule delle universit occupate in giovent, dominate dai baroni, rettori mafiosi in quegli anni di piombo, e una stazza da portaerei vestita da donna si lanci dal rialzo di legno, che la reggeva a fatica, per piombare sulle prime file di studenti che reagirono come dei partigiani avvezzi alla lotta per la libert.
Certamente non si poteva pi dire che la pace, in quel luogo di cultura, fosse ancora imposta, e la rabbia di tutti si scaten contro una belva mostruosa che si era spogliata di tutte le ingombranti sovrastrutture, che anni di raccolta bollini premio avevano convertito in un cetaceo ansimante. La lotta dur un tempo che nessuno riusc a misurare con precisione, ma fu sufficiente a rendere quelle facce, appartenenti a studenti che amavano il dark, ancora pi violacee e livide e quel muro di gomma, che una volta era stato una professoressa amante della vera pace, quella che ingrassa, si rivel imbattibile nella capacit di assorbire colpi che avrebbero inginocchiato un rinoceronte. Quattro poliziotti riuscirono a portarla via dalla scuola solo dopo averla tramortita con diverse scariche elettriche, sparate con una Taser di ultima generazione, quella sperimentata contro le tigri Tamil di Ceylon, ma si dovettero far aiutare da altri colleghi per caricarla sul furgone blindato, e nessun poliziotto volle salire dietro con lei, nonostante avesse le manette ai polsi.


NOTE AUTORE
Al primo che caccia una critica malevola gli spezzo il collo!
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

L'arciere del Re
Bernard Cornwell
1 Commento
Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
Il Nome della Rosa
Umberto Eco
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Post office
charles bukowski
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook