NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
Nascite diverse
Un dover morire anticipato
La dolce furia
La gara
Il tempo
Sul valore della lettura
La Verit e il valore
Articoli essenziali della Costituzione italiota
Avrebbe potuto
Un caso quasi umano e il forum
Sull'eutanasia
Disagio mentale
Nonostante tutto
Essere scrittori...
Sull'uovo e la gallina
Il perch del mio scrivere
Catechesi miniaturizzata
Sindrome
Libert difettose
Umani
Il Saggio
Esseri di luce
Il MultiRobot (continuo)
Il MultiRobot
Deceduto ieri
L'ultima Centrale
Gli Gnu non soffrono di solitudine
L'Intelligenza universale
L'Appuntamento
Il cacciatore di luce
La legge del Sempre
Predestinazioni
Intelligenze diverse
Essenzialit conoscitiva
Il Prescelto
Il piazzista
La giornata del ricordo
Logica vuole...
La cellula dormiente
I Terrestri
Ai confini della nostra galassia
Valori primitivi
Sacre ragioni
Speranze diverse
Il respiro dell'universo
Una specie speciale
La madre di tutte le guerre
La gente dello sballo
La catarsi razziale
Un'illuminazione
Per un pelo
Bilie
Libro elettronico o cartaceo?
Timidezza
La matrice del Fato
Il ponte del Saltone
Il Maestro di nessuno e la chiave
Fiat Lux
Il Frigo
L'ultimo rumore
Le nozze di Cana
Chicco
La Sala d'aspetto
Grazie disgrazie
Consigli su come scrivere un capolavoro
Centomila miliardi di cellule
L'odio
Romanzo o racconto?
La vera storia di Cappuccetto rosso
Santi, ma non subito
Non ancora
Sfida all'ultimo attimo
Dialogo con Dio
Alba Della Morte
Clostridium tetani
Angoli ciechi
Non ci posso credere...
Questo il prezzo
Disamina accorata sul blocco dello scrittore
La "scrittura non creativa"
Incidenti accidentali
L'editing
Vasi comunicanti
Maschere
Profeti
Amele
Forum Vitae
Mistero
Dita
Sesso intelligente?
Colazione da Tiffany
Lo strano sogno di Vidharr (1 parte)
Lo strano sogno di Vidharr (2 e ultima parte)
Analisi del Non possibile
L'acquario al centro dell'Aula Magna dell'esistenza
La necessit dell'odio misurato
Un morire incessante
Drammatizzazione
La speranza
Effetti collaterali
La verit sulla Verit
Calci al vuoto
Alla guerriglia
Quella volta che persi le mani alla stazione...
Angeli
Davanti alla luce
Il buco
Il ragno
L'ho fatta felice!
La "sindrome del foglio bianco"
La ragione dell'esistenza
L'evoluzione
La guerra e la pace
La vecchia e il monaco
Tre storie
Da che parte sta la verit?
Istanbul 1978
L'Ingegnere
Due feste differenti
La suppostina
La caramellina
Un angelo depresso
La Scatola Nera
Odori
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2008
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Avventura
Istanbul 1978


Istanbul citt che si allarga per una settantina di chilometri di follia, irraggiata in tutte le direzioni, forse anche verso l'alto e il sottosuolo. L si possono incontrare vecchie auto americane, come si trovano solo a Hollywood e a Cuba, ma con montati sotto al cofano fragorosi e fumosi motori di Pulmann. Spesso queste auto non hanno nemmeno la targa. Per le strade tutti suonano senza interruzione i clacson, pi facilmente le trombe, dei mezzi che guidano in uno sbuffare ansioso che pare di animali meccanici, coscienti in misura maggiore dei fanciulli che li stanno guidando, riverenti soltanto a tutto ci che mortifica, senza freni inibitori, l'intenzione di dare importanza alla vita del prossimo.
L'incastonarsi, in tutta questa selvaggia baraonda, dell'anelito innalzato in preghiera del Muzzim, pare un atto di salvataggio estremo verso una citt deforme che nel suo intimo vorrebbe morire di gioia estrema. Camminando insieme alla selva di gambe che pare non avere una sua destinazione, incrocio un gatto verdastro che pare intuire il mio stupore e mi fissa incredulo, non condividendo la mia inadeguatezza.
Sul canale del Bosforo una spiaggina inizia dal niente, addossata a un muro di grosse pietre che la osserva allargarsi nel suo proseguire che, deviando verso la profondit dei flutti, si mastica un mare sporco e pericoloso, oltraggiato da enormi navi. Delimitazioni di pali e reti, indebolite e strappate dalla ruggine, dividono la lingua di terra in spicchi che s'ingrandiscono, in modo direttamente proporzionale tra loro, e che si allungano con l'allargarsi in fuori, cambiando l'aspetto di quelle aspirazioni che vorrebbero essere spiagge che si appropriano di terra con il loro allontanarsi dalla povert iniziale di quel primo lembo nudo il quale, nel suo arrancare, si presto ritrovato l'ostacolo di una sedia scassata di legno, oltre la cinta di rete con la quale confina, e che sta osservando, delusa a sua volta, il tavolino della spiaggia pi in l ancora, che si distende a partire dal suo fianco malato, per spegnersi nell'invidia di un altro tavolo ancora, che non pi suo, e che possiede due sedie di frmica scheggiata, simili a quelle di un ambulatorio abbandonato, avvitate su tubi di ferro che avrebbero voluto essere cromati, e che discutono tra loro di un futuro improbabile. Per questo sputano veleno, tutti coesi, sull'altro pezzo di spiaggia ancora pi largo il quale, coraggioso, osa addentrarsi pi in profondit nei flutti coi quali litiga senza sperare in una vittoria, combattendo solo per pavoneggiarsi nel vanto di avere uno sgabbiotto di legno marcio da difendere e un ombrellone, rivoltato da un vento che gli gioca insieme, impietoso.
Ma nemmeno questa spiaggia felice, perch costretta a piegarsi all'ultimo e decoroso pezzo di terra, quasi dignitoso, il pi largo e meno brutto di tutti, con addirittura due panchine impiantate davanti a una casetta miniaturizzata, in masonite marrone, fermata da cumuli protettivi di sabbia sassosa, scura e incatramata, che la incolla a pietre infernali e laviche, ed difesa da cubi di cemento frangiflutti, irti di tondini contorti di ferro arrugginito che paiono artigli, pronti a difendere dai mostri galleggianti che urlano fumo davanti al loro coraggio.
Ignorando questa lotta epica un uomo imponente si tuffa, insaccato in una muta composta di pezzi di camera d'aria di camion, vulcanizzati tra loro, a cacciare improbabili pesci impugnando un fucilino a elastici del color della nicotina, senza un segnale, galleggiante e sfrontato, per allertare i natanti che la preda umana da tranciare nelle loro eliche l, ossequiosa davanti alla volont omicida di chi sicuro che le speranze di sopravvivenza stiano esclusivamente nella commistione di forza bruta e crudelt sprezzante.
Pi su, in un parcheggio di camion dai colori sbiaditi dal tanto correre, un parrucchiere da strada agita le monetine contenute nella larga tasca frontale del suo verde grembiule, per richiamare l'attenzione di un mondo spettinato, e approfitta dei grossi specchi retrovisori di mastodontici mezzi addormentati, salendo veloce sulle loro predelline per specchiarsi e ammirare il pettine che si passa, con volutt, tra i capelli intrisi di brillantina allontanando cos, a ogni passata, un nugolo di mosche appollaiatosi sopra che svolazza via per ritornare, subito dopo, a incollarsi impavido sulla luccicante superficie compatta.
Sul retro di quel palcoscenico mondano un uomo mostra a un altro uomo come facile andare in bicicletta, e per un poco pedala gagliardo facendo evoluzioni, e un mazzetto di lire turche cambia di mano contemporaneamente alla bicicletta sulla quale l'altro, l'apprendista, sbanda paurosamente, rassegnato e con un piede per terra, per tornare a riprendersi deluso i suoi soldi, riconsegnando all'altro la sua bici sulla quale il proprietario risale un'ennesima volta ancora, ricominciando a pedalare dietro a uno smagliante ed estasiato sorriso. E lo scambio prosegue pi e pi volte, perch cos che si impara a pedalare in Turchia, quando non si possiede una bicicletta, allo stesso modo nel quale si vive quando non si padroni della propria vita.


NOTE AUTORE
Che la Turchia sia crocevia della follia del mondo non occorre molto per notarlo, e la calda umanit del suo popolo pari solo alla sua approssimazione civica. Io l'ho amata e la amo, questa terra di contrasti estremi e di intelligenza viva.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Post office
charles bukowski
1 Commento
Il Peso della farfalla
Erri De Luca
1 Commento
La violenza invisibile
Zizek Slavoj
1 Commento
Shantaram
Gregory David Roberts
1 Commento
La spada e il calice
Bernard Cornwell
1 Commento
Il profumo
Patrick Sskind
2 Commenti
Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook