NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 1/1/2009
CATEGORIA: Poesia
GENERE: Storia
A memoria


Me le facevan studiare a memoria
dicendo sicuri che la mia giovent
non si sarebbe scordata la gloria
di un poetare che andava su e gi
ricamando parole rivestendo la storia
di sacrifici perduti e scordati dai pi

Stampelle lanciate contro il brillare d'ori
mantenersi diritti e continuare la lotta
deflagrare cunicoli non uscendo di fuori
salvar molte vite con la propria condotta
Ma c'era anche un fronte della poesia
che odiava i diversi che faceva la spia

che cantava di orrori come di carnevali
che cingeva di anime i fili spinati
applaudendo mitraglie montate su ali
o portate dai cingoli dei carriarmati
Si chiamava poeta inneggiava alla vita
ma non quella d'altri che per lui sfiorita

Il D'Annunzio sereno portato in trionfo
sostenuto da mani che celavano il pane
sopra un trono di sesso con qualcosa di gonfio
acclamava l'italia: Evviva! A me le puttane!
Mi facevan studiare dicendo: sicuro!
Gli eroi? Tutti uguali, ce l'avevano duro!


NOTE AUTORE
Che la cultura migliori il mondo opinione di coloro che hanno creato le condizioni che il mondo stanno distruggendo.
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Panino al prosciutto
charles bukowski
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
EMMAUS
alessandro baricco
1 Commento
Il signore degli anelli
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook