NonPubblicato            
LE OPERE DI Massimo Vaj | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/28/0/0/Massimo-Vaj.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Massimo Vaj
DATA: 20/11/2011
CATEGORIA: Saggistica
GENERE: Riflessioni
Cos' la cultura e cosa potrebbe essere


opinione comune che la cultura migliori l'uomo e, in questo raffinarne le qualit intellettuali, gli assegni un grado di libert maggiore. Naturalmente il termine "cultura" racchiude in s qualsiasi sapere e chiunque si arroghi il potere politico in una nazione o in una collettivit, definisce cultura anche quella che alimenta di buone ragioni lo sterminio di culture diverse dalla propria. Indefinite, nella loro molteplicit, sono le culture dei popoli e delle persone, e la gamma che si dispiega include in essa il laureato come il campagnolo. C', infatti, anche la cultura delle campagne, e senza di essa si morirebbe di fame. Poi c' la cultura di coloro che si compiacciono di conoscere il mondo e le sue ragioni di essere, quella di chi indaga la dimensione della scienza sperimentale, quella di chi studia la sfera psichica ed emotiva, e si chiama cultura quella teologica rivolta al trascendente. In tutti i casi la cultura ha un difetto terribile: dispone l'essere al credere. Chi conosce interpreta e ipotizza, essendo costretto a farlo dalla distanza che separa il conoscente dal conosciuto.
Distanza che nessuna cultura in grado di colmare.
Il vero conoscere, che l'unico modo della cultura di essere perfetta nei suoi princpi di base, dai quali tutto il sapere procede per consequenzialit logica, identificativo e assimilativo nello stesso tempo.
Identificativo dal punto di vista di chi conosce, e assimilativo da quello in cui si trova a essere la realt conosciuta.
Qui si nel dominio della consapevolezza metafisica, della dottrina unica e universale, superiore alle limitazioni date dall'ordinariet umana. La metafisica , propriamente, il modo di conoscenza che il centro spirituale in tutti noi assume quando le proprie qualificazioni individuali consentono di aprire l'occhio interno che "Vede" i princpi universali in modo assoluto, e privo dei dubbi che la relativit impone. Nel passato stato deciso di chiamare la conoscenza, diretta e non mediata dalla mente, metafisica, ma non il nome a essere importante. La metafisica certezza assoluta estesa al di l dello spazio e del tempo, la quale ha una natura analoga a quella dell'Assoluto Mistero senza nome, e costituisce la traccia della Causa nei suoi effetti. il modo nel quale un individuo dispone, senza esserne proprietario, dell'Intelligenza universale, madre di quella individuale. La Certezza come l'infinit interna del Mistero assoluto, la quale non pu esaurirlo... cita un detto Sufi.
l'Assoluto che dona questa apertura interiore, ma l'uomo che deve trasformare la vista spirituale in attuazione, sulla propria persona, del sapere universale.


NOTE AUTORE
...
COMMENTO DEGLI UTENTI

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
Oblmov
Ivan Goncarov
1 Commento
Factotum
charles bukowski
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
Sagap
Renzo Biasion
1 Commento
Post office
charles bukowski
1 Commento
Lo Hobbit
John Ronald Reuel Tolkien
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook