NonPubblicato            
LE OPERE DI Andrea Bertora | Bio |
http://www.nonpubblicato.it/opere/72/0/0/Andrea-Bertora.np
Stampa Aggiungi ai preferiti Invia Link a un amico Facebook Rss
AUTORE: Andrea Bertora
DATA: 20/12/2010
CATEGORIA: Racconto
GENERE: Letteratura
Morire per delle idee


Sono morto per delle idee. Non erano mie, le idee. Erano di chi mi ha ucciso. Le idee di chi mi ha ucciso e per le quali sono morto erano tatuate sul mio petto, dalla parte del cuore. Chi mi ha ucciso ha trafitto quelle idee con un coltello. Come conseguenza ha trafitto anche il mio cuore. per questo che sono morto, per il cuore trafitto. Ma ancor prima che per il cuore trafitto sono morto per delle idee trafitte, incidentalmente tatuate all'altezza del mio cuore. Cio, il cuore trafitto stata la causa materiale della mia dipartita, ma la causa scatenante sono state le idee. Tatuate. All'altezza del cuore. Chiaro, no? Le idee, per essere pi precisi, in effetti non erano molte. Diciamo che l'idea era una, una sola. Un'idea tatuata sul petto. Un'idea molto semplice, contenuta in un tatuaggio. Una frase, breve, tatuatami sul petto dal mio assassino, un tatuatore professionista. Un uomo tutto d'un pezzo. Un uomo coerente. Un tatuatore pregno di coerenza che mi tatu due parole: "Trafiggere qui".


NOTE AUTORE
Racconto breve
COMMENTO DEGLI UTENTI
6/6/2011 Autore: Andrea Luciano Damico
Inquietante ed enigmatico...

 
Nuovo utente | Password dimenticata
Email:
Password:
GENERE
COSA LEGGONO GLI AUTORI

Notti Bianche
Fëdor Dostoevskij
1 Commento
"Il Dio delle piccole cose"
Arundhati Roy
1 Commento
Aforismi di Zurau
Franz Kafka
1 Commento
Cecit
José Saramago
1 Commento
Venuto al mondo
Margaret Mazzantini
1 Commento
Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz
Dyer Geoff
1 Commento
Narciso e Boccadoro
Hermann Hesse
1 Commento
Mostra Tutti
Credits | Segnala un abuso | Contatta la redazione | Privacy | Condizioni di utilizzo | P.iva 09749640018
  Facebook